Al via oggi l’Ipo di Poste Italiane, prime prenotazioni dei pacchetti azionari. Sul mercato finirà il 38,2% del capitale

L’initial public offering – Ipo – di Poste Italiane comincia oggi, 12 ottobre; da questa data in poi, fino al 22 ottobre prossimo gli investitori – dagli istituzionali al piccolo risparmiatore – potranno prenotare le azioni della società controllata dal Tesoro italiano. Destinato al mercato azionario potrebbe essere il 38,2% del capitale sociale, quantificabile in 500 milioni di azioni, il cui 70% indirizzato agli istituzionali, a fronte del restante 30% riservato alla platea retail.

Francesco Caio, ad di Poste Italiane (foto Olycom)

La cifra per le singole azioni è calcolata tra i 6 e i 7,50 euro, numeri che proietterebbero il gruppo Poste Italiane  – con i suoi quasi 10 miliardi di capitalizzazione – fra le indiscusse future big di Piazza Affari, come stimato dal Sole 24 Ore.

Per assicurarsi l’acquisto (entro e non oltre il 22 ottobre) di un pacchetto azionario del gruppo è necessario rivolgersi alla propria banca, mentre per i dipendenti – ai quali è riservata una tranche di circa 14,9 milioni di azioni, pari al 3,3% del capitale – il collocamento terminerà un giorno prima della scadenza fissata.
Sono previsti tre profili d’acquisto: il primo ‘lotto minimo’ da 500 azioni (e suoi multipli), il ‘lotto intermedio’ (2mila azioni e multipli), il ‘lotto minimo maggiorato’ (5 mila azioni e suoi multipli). La cifra minima prevista per un risparmiatore che intenda comprare un pacchetto minimo da 500 azioni – stando al costo delle singole azioni tra i 6 e i 7, 50 euro – potrebbe oscillare dai 3.000 ai 3.750 euro.
Considerata la mole di domanda prevista, se questa dovesse superare l’offerta – come è già capitato in casi di privatizzazioni di questa portata – verrà affettuato un sorteggio che decida a chi assegnare i pacchetti azionari prenotati.
Altro importante punto chiave dell’operazione è la tassazione sui proventi delle azioni: questi saranno sottoposti ad un’aliquota del 26%, la stessa che riguarda i depositi postali – al contrario del Bot e dei BTp, che godono di un tasso agevolato al 12,5%.
Ultimo elemento è il ‘bonus fedeltà’, corrispondente all’assegnazione di un’azione gratuita ogni 20, mantenuta in portafoglio per 12 mesi.
Come ha dichiarato Caio durante la presentazione della quotazione – le cui parole sono state riportate dall’Ansa – le contrattazioni del titolo in borsa potrebbero iniziare tra il 26 e il 27 del mese di ottobre.

Dopo le maxi-Ipo di Eni ed Enel negli anni 90 e le piu’ recenti – e piu’ piccole – operazioni Fincantieri e Ray Way, è il momento di Poste Italiane e Ferrari che vola a Wall Street.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cos’ha detto Barbara Palombelli sul femminicidio? Pioggia di polemiche sulle ‘donne esasperanti’

Cos’ha detto Barbara Palombelli sul femminicidio? Pioggia di polemiche sulle ‘donne esasperanti’

Cattelan ‘Da Grande’ su Rai1. Coletta: perfetto per l’Eurovision e un Late Night Show. Fasulo: come Frizzi

Cattelan ‘Da Grande’ su Rai1. Coletta: perfetto per l’Eurovision e un Late Night Show. Fasulo: come Frizzi

Andreatta: Netflix racconta l’Italia lontano dagli stereotipi; nelle nostre serie un Paese tra luci e ombre

Andreatta: Netflix racconta l’Italia lontano dagli stereotipi; nelle nostre serie un Paese tra luci e ombre