‘If we’re lucky – or if we’re not’. I due possibili scenari sul futuro del giornalismo, raccontati con un fumetto

Da una parte l’ottimismo, dall’altra il pessimismo. Il fumetto ‘The future of journalism’ – disegnato da Susie Cagle – dipinge le due possibili strade che l’informazione può prendere da qui a qualche anno. In una – quella dove i reporter dovrebbero considerarsi fortunati – c’è una caporedattrice che obbliga i redattori a staccarsi dal computer per cercare notizie almeno tre volte la settimana. C’è la vittoria del contenuto e dell’approfondimento sulle crudeli leggi del web. C’è l’intelligenza e l’analisi del cervello umano che ha la meglio sui robot. Ci sono i giornalisti che battono Google e impongono la propria regolamentazione digitale.

Sulla colonna di destra – se non siamo fortunati – gli AdBlocker conquistano il mondo del web, così come droni e robot. I giornalisti diventano subordinati dei propri computer e le parole che riecheggiano nelle redazioni, così come alle riunioni, sono: reblogging, strumenti, giochi, realtà virtuale, droni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cos’ha detto Barbara Palombelli sul femminicidio? Pioggia di polemiche sulle ‘donne esasperanti’

Cos’ha detto Barbara Palombelli sul femminicidio? Pioggia di polemiche sulle ‘donne esasperanti’

Cattelan ‘Da Grande’ su Rai1. Coletta: perfetto per l’Eurovision e un Late Night Show. Fasulo: come Frizzi

Cattelan ‘Da Grande’ su Rai1. Coletta: perfetto per l’Eurovision e un Late Night Show. Fasulo: come Frizzi

Andreatta: Netflix racconta l’Italia lontano dagli stereotipi; nelle nostre serie un Paese tra luci e ombre

Andreatta: Netflix racconta l’Italia lontano dagli stereotipi; nelle nostre serie un Paese tra luci e ombre