Più di sedici miliardi spesi dagli italiani nell’ecommerce. Lo shopping online registra un +16% rispetto al 2014

Prosegue la crescita dell’ecommerce in Italia: il valore degli acquisti online degli italiani raggiunge nel 2015 i 16,6 miliardi di euro con un incremento in valore del 16% rispetto al 2014 pari a oltre 2,2 miliardi di euro. Lo riporta Italpress. Sono questi i risultati presentati dall’osservatorio ecommerce B2c – promosso dalla school of management del politecnico di Milano e da Netcomm – al convegno ‘Social? Mobile? Multicanalità? Si, ma sono servizio e convenienza la linfa dell’ecommerce in Italia’.

La crescita dell’ecommerce – dicono i risultati – è trainata, nel turismo, dall’acquisto di biglietti per i trasporti e dalla prenotazione di camere di albergo. Nell’informatica ed elettronica, l’apporto arriva dagli acquisti di tv, telefonia, tablet e pc, ma anche di elettrodomestici bianchi. Nell’abbigliamento continuano a essere determinanti gli acquisti high fashion. Nell’editoria, la crescita è trainata dai libri, anche da quelli scolastici.

Alessandro Perego, direttore scientifico degli osservatori Digital Innovation del politecnico di Milano (foto da LinkeIn)

“Contribuiscono a questa crescita i settori che hanno trainato l’ecommerce fino ad oggi, come il turismo (+14%), l’informatica ed elettronica (+21%) e l’abbigliamento (+19%), ma anche l’editoria (+31%) e, finalmente, i settori emergenti come il food&grocery, l’arredamento e home living e il beauty”, afferma Alessandro Perego, direttore scientifico degli osservatori Digital Innovation del politecnico di Milano. La penetrazione dell’ecommerce – continua –  raggiunge il 4% delle vendite retail, ma siamo ancora lontani dai principali mercati occidentali (Francia, Germania, Uk e Usa) dove l’ecommerce ha raggiunto livelli di diffusione fino a quattro volte più elevati. La strada per trasformare il commercio elettronico in una reale consuetudine di acquisto è tracciata dai principali player: occorre migliorare le prestazioni dei cosiddetti basics, ossia gamma, prezzo e servizio”.

Nell’ambito dei servizi, il turismo, con 7.762 milioni di euro, arriva a valere il 47% del mercato ecommerce B2c italiano, le assicurazioni, con 1.235 milioni di euro, il 7,5%, e gli altri servizi (ticketing per eventi, ricariche telefoniche, ecc.), con 893 milioni di euro, il 5,5%. Tra i comparti di prodotto spiccano invece l’informatica ed elettronica, che, con 2.212 milioni, vale il 13% del mercato e l’abbigliamento che, con 1.512 milioni di euro, pesa per il 9%. Troviamo poi l’editoria (4% del mercato, pari a 593 milioni di euro), il food&grocery (2% del mercato, pari a 377 milioni di euro), l’arredamento e home living (2% del mercato, pari a 370 milioni di euro) e il beauty (1% del mercato, pari a 190 milioni di euro). Le altre categorie di prodotto e il c2c (consumer to consumer) pesano per il 9%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020