È morta Maria Grazia Capulli, volto storico del Tg2. Il direttore Masi: “Intelligente e sensibile. Fino all’ultimo ha amato la vita”

Maria Grazia Capulli era il volto dell’edizione delle 13 del Tg2. La giornalista è morta all’età di 55 anni. Era malata da tempo, ma aveva lavorato fino all’ultimo. Originaria di Camerino, nelle Marche, si era laureata in storia della lingua italiana all’università di Macerata per poi iniziare la carriera giornalistica collaborando con l’edizione locale del Messaggero e con il Corriere Adriatico.

Maria Grazia Capulli, giornalista di Rai2 (foto da Olycom)

Il direttore del telegiornale di Rai2, Marcello Masi, l’ha ricordata con un tweet: “Ci ha lasciato Maria Grazia. Era intelligente e sensibile. Una grande amica che fino all’ultimo ha amato la vita”. E anche l’Usigrai ha diffuso una nota per commemorare la collega. Viene descritta come “una professionista seria, forte e determinata”. Si legge poi: “La sua profonda dedizione per il lavoro, con un occhio speciale e sensibile ai temi del disagio e degli ultimi, e l’attenzione al mondo della cultura, l’hanno sempre accompagnata anche nei momenti più difficili. Un impegno professionale portato avanti con scrupolo, discrezione e rigore”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini