Vice News oscura il sito per fixer detenuto in Turchia. Arrestato durante un reportage sul Pkk, Rasool è in carcere da 56 giorni

 (ANSA) “Il giornalista Mohammed Rasool è stato fermato il 27 agosto 2015 dalle autorità turche in base ad accuse senza fondamento di sostenere un’organizzazione terroristica mentre lavorava per Vice News. Cinquantasei giorni dopo, Rasool è ancora detenuto in una prigione turca”.

Con questo messaggio e un video, accompagnati dall’hashtag #FreeRasool e da una petizione online creata con il Committee to Protect Journalists e rivolta al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, Vice News ha deciso di oscurare per due ore il suo sito per riportare l’attenzione sul caso del 25enne interprete e fixer curdo-iracheno, fermato nel sud-est turco insieme ai suoi giornalisti britannici Jake Hanrahan e Philip Pendlebury, poi espulsi a inizio settembre. I tre stavano lavorando a un reportage sul conflitto riesploso a luglio tra Ankara e il Pkk curdo, che da allora ha causato centinaia di morti. Secondo i suoi legali, Rasool è detenuto in un carcere di massima sicurezza con contatti minimi con l’esterno e non è possibile ottenere molti degli atti che lo riguardano per via di un ordine di riservatezza imposto sulle indagini. (ANSA, 21 ottobre 2015)

Mohammed Rasool (foto Vice News)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lorusso (Fnsi) ospite in tv con il Cdr della Gazzetta del Mezzogiorno: Accelerare i tempi della procedura fallimentare per riportarla in edicola

Lorusso (Fnsi) ospite in tv con il Cdr della Gazzetta del Mezzogiorno: Accelerare i tempi della procedura fallimentare per riportarla in edicola

Xiaomi supera tutti, Samsung non è più primo marchio di smartphone in Europa

Xiaomi supera tutti, Samsung non è più primo marchio di smartphone in Europa

Federica Pellegrini entra nel Cio: La mia esperienza in favore degli atleti. Futuro al Coni? Un passo alla volta

Federica Pellegrini entra nel Cio: La mia esperienza in favore degli atleti. Futuro al Coni? Un passo alla volta