Il ceo di Netflix, Hastings: vogliamo conquistare una famiglia su tre in Italia

“Nel primo anno ci dobbiamo concentrare sulla felicità e non sulle dimensioni, ma alla lunga vogliamo avere molto successo anche in Italia”. Nel giorno del debutto italiano Reed Hastings, il cofondatore e ceo di Netflix, non nasconde il suo ottimismo sul futuro della sua creatura da 69 milioni di abbonati. Lo riporta Ansa.

“Il nostro target è di raggiungere una famiglia su tre. In America per farlo ci abbiamo messo 7 anni, dal 2007 al 2014 e ci stiamo riuscendo anche in altri Paesi europei dove siamo arrivati prima che in Italia”, dice Hastings, ribadendo come “l’avvento della tv via internet per il mondo della tv è la più grande rivoluzione dal colore”. “Possiamo vedere su qualsiasi schermo e in qualsiasi momento quello che vogliamo”, spiega, sottolineando come questo sia solo l’inizio. “In futuro – profetizza – ogni rete metterà a disposizione delle app”.

reed hastings

Reed Hastings, ceo di Netflix (foto Olycom)

Un passaggio epocale che non riguarderà solo la fruizione in streaming ma anche i contenuti perché senza la tv lineare – spiega ancora Hastings – non avrà più senso creare serie con puntate da un’ora ciascuna e zeppe di rimandi interni, non più necessari visto che su Netflix non vengono proposte una puntata alla volta ma a stagioni intere. Nessun timore per la visione in streaming che richiede che l’apparecchio usato sia necessariamente connesso: “le reti stanno crescendo – dice Hastings – non dobbiamo più pensare al downdload”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gedi, oggi al via l’Opa di Giano Holding (Exor)

Gedi, oggi al via l’Opa di Giano Holding (Exor)

2 giugno. Cdp è vicina al Paese. Palazzo di via Goito in tricolore per la festa della Repubblica

2 giugno. Cdp è vicina al Paese. Palazzo di via Goito in tricolore per la festa della Repubblica

Edicola, La strada giusta per il dopo. Gli editoriali del 2 giugno di Verdelli sul ‘Corriere’ e di Mauro su ‘Repubblica’

Edicola, La strada giusta per il dopo. Gli editoriali del 2 giugno di Verdelli sul ‘Corriere’ e di Mauro su ‘Repubblica’