Persino Sorrell siede in silenzio quando legge il Wall Street Journal

Noto per essere un turbine di attività, Martin Sorrell, ceo di Wpp, è stato scelto dal Wall Street Journal come testimonial (insieme a Karlie Kloss, presentata come ‘modella imprenditrice e filantropa’) dell’ultima campagna ‘Make Time’ con cui il quotidiano finanziario mostra come persone famose con poco tempo a disposizione ne trovano per l’informazione di qualità.

Seduto in silenzio su un divano di pelle, Sorrell è immerso nella lettura sul proprio tablet di un articolo sulla Cina e non è distratto dalle persone che entrano nella stanza. “Le persone che non hanno tempo, ne trovano per leggere il Wall Street Journal” recita lo spot nella parte finale e conclude con l’invito “Read ambitiously”, a scegliere cioè con ambizione cosa leggere.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Video correlati

Lo spot con i Maneskin (vincitori di Sanremo 2021) a cui già nel 2018 Tim scelse di affidare la comunicazione Lo spot con i Maneskin (vincitori di Sanremo 2021) a cui già nel 2018 Tim scelse di affidare la comunicazione

Lo spot con i Maneskin (vincitori di Sanremo 2021) a cui già nel 2018 Tim scelse di affidare la comunicazione

Nuova brand identity e campagna globale: Peugeot crede nel quality time Nuova brand identity e campagna globale: Peugeot crede nel quality time

Nuova brand identity e campagna globale: Peugeot crede nel quality time

Debutta Neo, smartwatch Vodafone per bambini con i personaggi Disney, Pixar, Marvel e Star Wars. Il lancio affidato al modello David Gandy che in un’intervista ‘dietro le quinte’ racconta questa esperienza Debutta Neo, smartwatch Vodafone per bambini con i personaggi Disney, Pixar, Marvel e Star Wars. Il lancio affidato al modello David Gandy che in un’intervista ‘dietro le quinte’ racconta questa esperienza

Debutta Neo, smartwatch Vodafone per bambini con i personaggi Disney, Pixar, Marvel e Star Wars. Il lancio affidato al modello David Gandy che in un’intervista ‘dietro le quinte’ racconta questa esperienza