LinkedIn raggiunge quota 400 milioni utenti. Le stime trimestrali si dimostrano migliori delle attese. Ma la perdita netta raggiunge 41 milioni di dollari

LinkedIn, social network dedicato al mondo del lavoro, a fine settembre 2015 ha raggiunto quota 396 milioni di utrenti a fronte dei 380 milioni a cui era fermo alla fine di giugno.  Per poi sfiorare la soglia dei 400 milioni nella scorsa settimana.

Jeff, Weiner, ceo LinkedIn

Jeff, Weiner, ceo LinkedIn

Come riportato dall’Ansa, la società ha chiuso il terzo trimestre con ricavi su del 37% su base annua a 779,6 milioni di dollari. Nonostante questo, la perdita netta è salita a 41 milioni di dollari a fronte dei 4,3 milioni di dollari dello stesso periodo 2014. Gli analisti avevano previsto un rosso di 93 milioni. La compagnia ha dichiarato un utile pro forma di 78 cent ad azione contro i 45 previsti dagli analisti. Gli investimenti sulla app per smartphone e nei mercati esteri hanno ripagato il social professionale, presente in oltre 200 nazioni, che ha visto crescere gli utenti all’estero.

La società ha anche reso noto che in Cina dagli inizi del 2014, cioè da quando ha lanciato una versione di piattaforma in lingua cinese, l’audience è triplicata a 13 milioni di iscritti. Positivo anche il riscontro ‘mobile’, con il 55% del traffico sulla piattaforma generato da smartphone e tablet. Per l’esercizio fiscale che si chiuderà a dicembre, la compagnia ha corretto al rialzo le stime sui ricavi, portandole tra 2,975 e 2,98 miliardi di dollari a fronte dei 2,94 miliardi previsti in precedenza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco l’elenco dei candidati al Cda Rai. La carica di giornalisti, legali, docenti e manager

Ecco l’elenco dei candidati al Cda Rai. La carica di giornalisti, legali, docenti e manager

Lega Serie A, rinviato il voto sull’offerta di Sky per il pacchetto 2 dei diritti tv. Scaroni (Milan) si dimette da consigliere

Lega Serie A, rinviato il voto sull’offerta di Sky per il pacchetto 2 dei diritti tv. Scaroni (Milan) si dimette da consigliere

Il valore dei brand italiani resiste alla pandemia e cresce dell’11%.  Ranking BrandZ: Gucci in prima posizione, poi a Enel e Tim

Il valore dei brand italiani resiste alla pandemia e cresce dell’11%. Ranking BrandZ: Gucci in prima posizione, poi a Enel e Tim