Esenzione dal canone per le fasce sociali povere. La proposta di Verducci, vice presidente della commissione vigilanza Rai

(ITALPRESS) – “Bene il canone in bolletta e la sua riduzione, ma serve qualcosa in più: l’esenzione per chi è al di sotto della soglia di povertà. Il rilancio della Rai e del servizio pubblico passa attraverso una ‘riconquista’ di credibilità. Nella Rai tutti i cittadini devono potersi riconoscere e tutti devono poter usufruire del servizio pubblico, che deve tornare ad essere innanzitutto strumento di inclusione e di cittadinanza. Per questo non bastano lotta all’evasione e riduzione del costo. Serve anche un provvedimento equo, che permetta anche a chi non ne ha la possibilità economica di usufruire del servizio pubblico. La Rai, oggi più che mai, sia di tutti e non escluda nessuno. Penso sia questo uno dei punti della stabilità da migliorare nei prossimi lavori parlamentari”. Lo afferma Francesco Verducci, vice presidente della commissione di vigilanza Rai. (ITALPRESS, 2 novembre 2015).

Francesco Verducci,  vice presidente della commissione di vigilanza Rai (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti