Gli utenti di Facebook meno attivi nell’aggiornare il proprio stato e nel postare contenuti. I dati del GlobalWebIndex

Gli iscritti a Facebook stanno postando meno contenuti: lo dicono i dati GlobalWebIndex, riportati dal Wall Street Journal. Nel terzo trimestre, infatti, solo il 34% degli iscritti ha aggiornato il proprio stato e il 37% ha postato qualcosa, percentuali in calo rispetto ad un anno fa.
Le cause potrebbero essere molteplici: dalla ‘semplice’ pigrizia oppure dall’aumento di piattaforme sul mercato e, per far fronte a questa tendenza, il social da maggio scorso ha iniziato a mostrare agli utenti dei ‘promemoria’ di eventi e giornate speciali, in un test volto a invogliare a postare.
Secondo i dati di giugno, inoltre, il 65% degli iscritti visita la rete sociale quotidianamente e quindi vede gli spot da cui derivano le entrate di Facebook. La flessione dei contenuti pubblicati, tuttavia, potrebbe rappresentare un problema nel lungo periodo, facendo perdere appeal al social network che di recente ha dato il via libera per l’utilizzo di nickname sulla propria piattaforma e ha aperto la chat di Messenger anche per comunicazioni tra “non amici”.

Mark Zuckerberg

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager