Dopo l’Indonesia, il ‘Project Loon’ di Google per portare Internet con i palloni aerostatici nelle aree offline del mondo potrebbe sbarcare in India

Dopo l’Indonesia ‘Project Loon’, il progetto lanciato due anni fa da Google per portare internet nelle aree remote del mondo attraverso palloni aerostatici, potrebbe sbarcare anche in India, dove, stando ai dati della Banca Mondiale, appena il 18% di una popolazione di 1,2 miliardi di persone ha accesso alla rete. Secondo quanto si legge sull’agenzia Ansa che riprende il Wall Street Journal, sarebbero infatti in corso contatti tra il governo indiano e la compagnia, anche se dalla holding Alphabetreplicano non ci siano annunci da dare.

Sundar Pichai

Sundar Pichai, ceo Google

Sul Paese punta anche Facebook con Internet.org , un progetto simile per portare connessione in aree svantaggiate o in via di sviluppo. Mark Zuckerberg è appena rientrato da un viaggio in Cina e India, nel corso del quale ha affermato: “Se abbiamo la missione di connettere ogni persona nel mondo, non possiamo farlo senza connettere l’India”.

Una missione filantropica si, ma che, aumentando la base di internauti, porterebbe sicuramente nuovi utenti ai colossi del web, in primis Google e Facebook.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lega Serie A, rinviato il voto sull’offerta di Sky per il pacchetto 2 dei diritti tv. Scaroni (Milan) si dimette da consigliere

Lega Serie A, rinviato il voto sull’offerta di Sky per il pacchetto 2 dei diritti tv. Scaroni (Milan) si dimette da consigliere

Il valore dei brand italiani resiste alla pandemia e cresce dell’11%.  Ranking BrandZ: Gucci in prima posizione, poi a Enel e Tim

Il valore dei brand italiani resiste alla pandemia e cresce dell’11%. Ranking BrandZ: Gucci in prima posizione, poi a Enel e Tim

Zuckerberg conferma stop social a Trump, se ne riparla tra 6 mesi. L’ira delll’ex presidente: vergogna assoluta, pagheranno

Zuckerberg conferma stop social a Trump, se ne riparla tra 6 mesi. L’ira delll’ex presidente: vergogna assoluta, pagheranno