Giuseppe Coccon da Poste Italiane alla direzione relazioni esterne e istituzionali di Esselunga

Dopo 18 mesi, durante i quali è stato responsabile Comunicazione, relazioni esterne e istituzionali, e ha seguito la campagna per la quotazione in Borsa, Giuseppe Coccon ha lasciato Poste Italiane e da oggi è a Esselunga come direttore Comunicazione, relazioni esterne e rapporti istituzionali”. “Mi si è presentata l’opportunità di far parte di una realtà con una grande storia e una reputazione come Esselunga e l’ho colta con entusiasmo”, dice Coccon.
Milanese, 48 anni, una laurea in giurisprudenza, Giuseppe Coccon ha esordito come giornalista, lavorando tra il 1987 e il 1995 prima al Giornale e poi al Corriere della Sera. Da allora si è sempre occupato di comunicazione aziendale: Edelman, Federchimica (responsabile ufficio stampa), Netscalibur (direttore relazioni esterne e pubblicità), Barilla (responsabile delle relazioni con i media) e poi Avio durante la gestione di Francesco Caio che Coccon ha aseguito a Poste Italiane nel luglio 2015.

La responsabilità della comunicazione Esselunga resta nelle mani di William Willinghton.

Giuseppe Coccon (foto Studio Franceschin)

Giuseppe Coccon (foto Studio Franceschin)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo