Dopo il gran premio di Valencia l’89% dei contenuti sul brand Honda è negativo

Dopo la gara di Moto Gp a Valencia, il comportamento durante la gara di Marquez e le dichiarazioni di Valentino Rossi, l’89% dei contenuti on line sul marchio Honda è negativo. Lo dice una ricerca effettuata da Reputation Manager, che ha monitorato tali contenuti per rilevare come l’ultima gara del motomondiale abbia influito sul marchio.

Le accuse rivolte da Valentino Rossi a Marc Marquez, come si legge nel comunicato stampa, hanno avuto un impatto molto negativo non solo sull’avversario spagnolo, ma anche su Honda. Se fino a ottobre 2015 la reputazione on line godeva di una percezione ottima (con l’87% dei contenuti positivi), dopo la gara di Valencia il marchio è stato bersagliato da commenti negativi, accuse, e proposte di boicottaggio.

“Quando avvenuto negli ultimi giorni – spiega Andrea Barchiesi, ceo di Reputation Manager – rappresenta solo lo 0,6% dei contenuti totali presenti in rete riferibili a Honda, ma l’inversione del sentiment ci dimostra con chiarezza quanto un evento in poche ore possa incidere negativamente su una solida reputazione”.

Interessante notare come, ad esempio, fino a giugno si associava al brand, oltre che una forza data dalle performance eccezionali delle sue moto e la sua grande storia, anche il valore della sportività, che oggi viene invece completamente negato. Questo ad esempio un commento sulle dichiarazioni di Livio Suppo dopo la gara di Assen: “Rossi è stato avvantaggiato dal taglio di pista – ha spiegato – ma va detto che è stato colpito sulla
spalla dal nostro pilota, quindi non poteva fare altrimenti. Vittoria meritata”.

Molte sono le critiche rivolte a Honda, soprattutto dopo la posizione espressa dalla casa automobilistica che si è schierata a protezione del suo pilota, rigettando le accuse di Rossi. C’è chi definisce il marchio anti-sportivo, chi annuncia boicottaggi e chi prova a ipotizzare dietro all’accaduto una strategia di Honda per portare Lorenzo in squadra.

La maggior diffusione del caso è stato raggiunta attraverso i social network (84,6%). Facebook e Twitter, per esempio, sono i canali che hanno veicolato principalmente la protesta dei tifosi, e dei sostenitori di Valentino Rossi che hanno creato pagine e gruppi come ‘Boicott #Marcmarquez93 Boicott #Honda!’, ‘Boicotta Marquez, la Honda e tutti i loro sponsor’, ‘Io Non Comperò una Honda Fino a Quando Marquez Sarà Uno Dei Suoi Piloti’ e hanno twittato 152.569 volte #iostoconvale.
Anche molti personaggi dello spettacolo come Elisabetta Canalis, Ezio Greggio, Francesco Facchinetti, Simona Ventura e Luca Argentero si sono schierati con Valentino, esprimendo il loro sostegno al campione italiano, dissenso per quanto è accaduto a Valencia o condividendo immagini ironiche su Marquez.

Valentino Rossi (foto Olycom)

Valentino Rossi (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nasa sceglie Nokia per creare la prima rete mobile sulla Luna

Nasa sceglie Nokia per creare la prima rete mobile sulla Luna

TOP 15 VIDEO CREATOR DI SETTEMBRE. Benedetta Rossi e i Me Contro Te sempre in testa; di Jakidale il video più visto: Milano-Roma in monopattino

TOP 15 VIDEO CREATOR DI SETTEMBRE. Benedetta Rossi e i Me Contro Te sempre in testa; di Jakidale il video più visto: Milano-Roma in monopattino

Bnl e Vodafone, partnership su digitale e nuove tecnologie

Bnl e Vodafone, partnership su digitale e nuove tecnologie