Nielsen misura anche in Italia le campagne pubblicitarie su smartphone e tablet. Al via il servizio Digital Ad Ratings Mobile

Nielsen porta in Italia la misurazione delle campagne pubblicitarie su dispositivi mobili, come gli smartphone e i tablet. Ma non solo; a partire da ottobre, sono cinque i paesi che si sono aggiunti alla copertura globale della misurazione mobile di Nielsen. Oltre a Stati Uniti e Canada, ora anche Australia, Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno a disposizione la misurazione delle campagne mobile offerta da Nielsen Digital Ad Ratings Mobile. In Brasile, invece, il lancio è previsto entro la fine del 2015.

Luca Bordin, general manager, sales & media solutions di Nielsen Italia

Luca Bordin, general manager, sales & media solutions di Nielsen Italia

“In uno scenario dove la frammentazione dei mezzi rappresenta un trend in grande crescita, l’utilizzo di strumenti di misurazione cross-piattaforma è un’esigenza imprescindibile”, dichiara Luca Bordin, General Manager Media Sales&Solutions di Nielsen, in una nota. Mentre Guido Mazzoccola, Audience Business Director, Digital di Nielsen, ricorda come “il paradosso del mobile” sia “ben noto agli attori del mercato pubblicitario”. Infatti, spiega Mazzoccola, “da un lato, ben il 70% del tempo online degli italiani maggiorenni è speso su tablet e smartphone (fonte Audiweb giugno 2015), dall’altro gli investimenti previsti nel 2015 su mobile restano meno di un quarto del totale digital, sulla base delle stime della Digital Survey di Nielsen”. Motivo per cui la rilevazione mobile di Digital Ad Ratings, aspira ad aiutare “gli inserzionisti a cogliere le opportunità di comunicare i brand su device così personali” e allo stesso tempo ad andare “incontro agli editori che vogliono valorizzare al meglio questa fonte di ricavi che ha potenzialità ancora inespresse”, conlcude Mazzoccola.

L’analisi delle campagne mobile misurate negli Stati Uniti da luglio 2014 a marzo 2015, conclude la nota di Nielsen, ha rivelato che mediamente il 49% delle impression ha raggiunto il target desiderato. In modo analogo, in Canada la percentuale on-target delle pubblicità mobile di maggio è stata quasi la stessa di quelle su PC: rispettivamente 44% e 47%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fake News, meno del 50% delle persone verifica le fonti. I social principale veicolo di disinformazione

Fake News, meno del 50% delle persone verifica le fonti. I social principale veicolo di disinformazione

Snam, Alverà: piano da 7,4 mld di investimenti apre nuova fase; obiettivo sostenibilità economica, ambientale e sociale; 500 mln in digitalizzazione Snam, Alverà: piano da 7,4 mld di investimenti apre nuova fase; obiettivo sostenibilità economica, ambientale e sociale; 500 mln in digitalizzazione

Snam, Alverà: piano da 7,4 mld di investimenti apre nuova fase; obiettivo sostenibilità economica, ambientale e sociale; 500 mln in digitalizzazione

TOP100 Audiweb Week 9-15 novembre. Cresce l’audience delle news: Corriere sempre primo, salgono sul podio Fanpage e Messaggero

TOP100 Audiweb Week 9-15 novembre. Cresce l’audience delle news: Corriere sempre primo, salgono sul podio Fanpage e Messaggero