Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

(ANSA) Risorse in più per il cinema. Il decreto approvato oggi in Cdm, informa Franceschini, destina ulteriori 25 milioni di euro nel 2015 al tax credit per il settore, “uno strumento di sostegno al cinema che sta conoscendo un successo straordinario”, dice il ministro, portando il fondo alla quota di 140 milioni di euro già prevista per il 2016.“I 115 milioni finora disponibili per il tax credit grazie alla leva fiscale – sottolinea il ministro della Cultura Franceschini – hanno generato nei primi nove mesi del 2015 investimenti per 600 milioni di euro nella produzione nazionale cinematografica e audiovisiva e hanno attirato, grazie all’innalzamento del tetto della spesa deducibile, le grandi produzioni cinematografiche internazionali che hanno investito in Italia 60 milioni di euro.

Dario Franceschini, ministro dei beni culturali (foto Olycom)

Con le ulteriori risorse disponibili si riesce a così a coprire interamente il fabbisogno di uno strumento fondamentale per il sostegno all’industria cinematografica italiana e si conferma l’impegno del governo a favore della cultura”. (ANSA, 13 novembre 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani