Il ‘Washington Post’, con 66,9 milioni di utenti unici tra desktop e mobile, supera per la prima volta il ‘New York Times’ per numero di lettori online (INFOGRAFICA)

A ottobre 2015 il ‘Washington Post’ ha totalizzato 66,9 milioni di utenti unici complessivi tra personal computer e dispositivi mobili. Superando così per la prima volta il ‘New York Times’ che ha quantificato 65,8 milioni di utenti unici complessivi. A registrare il dato è comScore, azienda specializzata nell’analisi del traffico dati su internet.

Per il ‘Post’ si tratta, come evidenzia il grafico in pagina, del più elevato numero di utenti unici da ottobre 2014, per a un incremento di traffico sul sito pari al 59%.

Tra i motivi del risultato raggiunto, secondo diversi osservatori oltreoceano, rientra anche il fatto che il ‘Washington Post’ è riuscito a tagliare dell’85% il tempo di caricamento delle pagine. Portando a 1,7 secondi l’attesa del lettore prima che questi possa visualizzare completamente la pagina web. Una rincorsa cominciata nel 2013, quando il ‘Post’ è stato ceduto dalla famiglia Graham, proprietaria dal 1933, a Jeff Bezos, fondatore della multinazionale dell’e-commerce Amazon.com.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 29 ottobre convegno Pwc sulle ‘azioni indispensabili per non soccombere’. Ne discutono Patuanelli, Beduschi, Cardani, Cerbone, Leone, Mauri, Josi

Il 29 ottobre convegno Pwc sulle ‘azioni indispensabili per non soccombere’. Ne discutono Patuanelli, Beduschi, Cardani, Cerbone, Leone, Mauri, Josi

Fondazione De Agostini rinnova il Cda: Chiara Boroli presidente e Marcella Drago segretario generale; Roberto Drago presidente d’onore

Fondazione De Agostini rinnova il Cda: Chiara Boroli presidente e Marcella Drago segretario generale; Roberto Drago presidente d’onore

Charlie Hebdo disegna Erdogan in una vignetta con una donna svestita e vino. La condanna turca: senza morale

Charlie Hebdo disegna Erdogan in una vignetta con una donna svestita e vino. La condanna turca: senza morale