L’agenzia stampa ‘Il Velino’ annuncia altri 4 giorni di sciopero fino al 20 novembre e chiede le dimissioni dell’editore

(AGI) Giunti all’ottavo giorno di sciopero, i giornalisti dell’agenzia Il Velino/Agvnews proclamano una nuova astensione dal lavoro da oggi a venerdi’ 20 novembre. “La redazione sfiducia l’editore/direttore Luca Simoni e ne chiede le immediate dimissioni – si legge in un comunicato dell’Assemblea dei giornalisti -. Non pago di aver rifiutato il contratto di solidarieta’ a percentuali che potessero consentire un rilancio dell’agenzia e tagli meno pesanti agli stipendi dei giornalisti, Simoni ha posto in maniera unilaterale i 26 colleghi in organico in cassa integrazione. Quindi ha pianificato (dimenticandosi addirittura di un collega e relegandone altri sette al 60%) la Cigs in modo vessatorio; per giorni ha comunicato turni di lavoro e presenze con mail e telegrammi ad orari improbabili; e infine ha provato a scavalcare lo sciopero della scorsa settimana, mandando in rete decine di lanci appoggiandosi a figure esterne e/o abusive. Quando l’assemblea gli ha chiesto se fosse stato lui a pubblicare durante l’astensione dal lavoro di tutti i giornalisti contrattualizzati dal 9 al 13 novembre Simoni si e’ rifiutato di rispondere sulla base, ha riferito, di un consiglio dei suoi legali. Gli organi sindacali competenti – conclude il comunicato – contesteranno a Simoni in sede giudiziaria comportamenti lesivi del diritto di sciopero, di decisioni assembleari e delle prerogative delle rappresentanze sindacali”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, per la prima volta nella sua storia anche Usa Today si schiera e appoggia Joe Biden

Usa 2020, per la prima volta nella sua storia anche Usa Today si schiera e appoggia Joe Biden

Chiara e Valentina Ferragni affidano a Triboo restyling del sito, seo e programmatic

Chiara e Valentina Ferragni affidano a Triboo restyling del sito, seo e programmatic

Costa, ministro Ambiente: il piano di comunicazione mai approvato dal ministero, ora c’è e ha le risorse

Costa, ministro Ambiente: il piano di comunicazione mai approvato dal ministero, ora c’è e ha le risorse