Nava Mambretti è il presidente del nuovo Consiglio nazionale degli utenti a tutela dei diritti dei cittadini nel settore delle comunicazioni. Del Grosso vice presidente

Si sono insediati oggi i componenti del nuovo Consiglio nazionale degli utenti (CNU), l’organismo istituito dalla legge 31 luglio 1997, n. 249 con il compito di promuovere la tutela dei diritti dei cittadini nel settore delle comunicazioni.

Lo riporta una nota dell’Agcom secondo cui i componenti del nuovo Consiglio sono: Angela Nava Mambretti, Remigio Del Grosso, Elisabetta Gavasci Scala, Francesca Giammona, Pietro Giordano, Domenico Infante, Elisa Manna, Paolo Piccari, Stefania Schettini Perillo, Rosario Trefiletti e Emilia Visco.

Nella sua riunione di insediamento il CNU ha nominato Presidente Angela Nava Mambretti  e Vice Presidente Remigio Del Grosso.

Nel suo saluto al nuovo Consiglio, che ha tra i suoi compiti quello di promuovere la tutela dei diritti dei cittadini nel settore della comunicazione, con particolare riferimento ai diritti dei minori e degli utenti, e che vede la presenza di sei donne su undici componenti, il Presidente Angelo Marcello Cardani, dichiara di essere particolarmente lieto di portare, anche a nome del Consiglio dell’Autorità, il primo saluto al nuovo Consiglio nazionale degli utenti nel giorno del suo insediamento e dell’inizio dell’attività che auspica proficua.

Angela Nava Mambretti

Angela Nava Mambretti

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Di Maio: L’editoria è sana e vitale, mantenuto il primato malgrado il Covid. La Farnesina sostiene il libro italiano nel mondo

Di Maio: L’editoria è sana e vitale, mantenuto il primato malgrado il Covid. La Farnesina sostiene il libro italiano nel mondo

Parapini (Rai per il Sociale): azienda ha ruolo guida nell’ascoltare le sofferenze del Paese e nel promuovere e comunicare risposte adeguate

Parapini (Rai per il Sociale): azienda ha ruolo guida nell’ascoltare le sofferenze del Paese e nel promuovere e comunicare risposte adeguate

Da decreto Sostegni bis 120 milioni i fondi per l’editoria. Più soldi e certezze per sgravi pubblicità, fissato budget anche per 2023

Da decreto Sostegni bis 120 milioni i fondi per l’editoria. Più soldi e certezze per sgravi pubblicità, fissato budget anche per 2023