- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Secondo 3 americani su 5 la pubblicità online rispecchia i loro effettivi interessi. Ne sono convinti più gli uomini (65%) delle donne (59%) (INFOGRAFICA)

Tre persone su 5 (il 62%) che fanno shopping su internet negli Stati Uniti ritengono che la pubblicità online sia generalmente ben targettizzata rispetto ai loro interessi. Lo riferisce una ricerca [1] di Morar Consulting [2], che sottolinea anche come siano i più giovani a sposare per la maggiore questo giudizio, mentre tra chi ha un’età pari o maggiore a 55 anni sono solo una persona su 2.

[3]

Come si evince dal grafico sono più gli uomini (il 65%) delle donne (59%) a pensare che la pubblicità online sia ben targettizzata rispetto ai loro interessi; una percentuale che è massima tra i giovani con età compresa tra i 25 e i 34 anni (71%) e minima tra gli over 55  (50%)

Secondo Morar Consulting, inoltre, il 68% degli americani ritiene che le pubblicità geograficamente connotate siano molto utili, una percentuale cha aumenta fino al 77% tra chi ha un’età compresa tra i 18 e i 24 anni.