La Rai è un’azienda vecchia che non riesce a rinnovarsi, dice Fico. Per privatizzarla serve una legge sul conflitto d’interessi

“La Rai è un’azienda vecchia che non riesce a rinnovarsi, con giornalisti che da trent’anni fanno riferimento ai partiti”. Secco il giudizio che il presidente della Commissione Parlamentare di Vigilanza Rai Roberto Fico, dà sul conto del servizio pubblico nel corso dell’incontro con professori e studenti, denominato ‘Un caffè con la politica’, tenutosi a Caserta al Dipartimento di scienze Politiche ‘Jean Monnet’ della Seconda Università degli Studi di Napoli (Sun).

Stando a quanto riporta Ansa, secondo Fico sarebbe possibile privatizzare una parte della Rai, “ma solo dopo aver approvato una legge sul conflitto di interessi”, per evitare che “persone come Berlusconi o Murdoch” possano “prendersela”.

“Comunque qualche pezzo di luce alla Rai sta emergendo”,  avrebbe detto il deputato del movimento fondato da Beppe Grillo, allargando poi il discorso a tutte le testate. “I giornalisti sono troppo servili verso la politica, e non mi riferisco solo alla Rai, ma anche a quelli dei media nazionali. Anche per questo abbiamo proposto sin dall’inizio l’abolizione del finanziamento ai giornali: testate come l’Unità, il Giornale o Libero sono riferimenti dei partiti, ed è giusto che quest’ultimi se li paghino da sé”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, da Mibact  40 milioni per la filiera del libro. Firmati i decreti attuativi del Dl Rilancio

Editoria, da Mibact 40 milioni per la filiera del libro. Firmati i decreti attuativi del Dl Rilancio

Radio, con la Fase 2 torna a farsi sentire l’ascolto in auto (+20%). Ter: nuove abitudini con la “nuova normalità”

Radio, con la Fase 2 torna a farsi sentire l’ascolto in auto (+20%). Ter: nuove abitudini con la “nuova normalità”

Arriva il Fondo Salva Calcio della Figc: 21,7 milioni di euro. Gravina: volano per la ripresa del sistema calcio

Arriva il Fondo Salva Calcio della Figc: 21,7 milioni di euro. Gravina: volano per la ripresa del sistema calcio