Così i social network hanno reso più trasparenti i bilanci delle imprese

I social network spingono le imprese ad essere sempre più trasparenti. A spiegare come ciò sia possibile è Patrizia Rutigliano, presidente della Federazione relazioni pubbliche italiana (Ferpi), secondo cui “l’ambiente dei social media ha consentito a tutto il mondo, non solo esclusivamente al mercato finanziario, di conoscere dettagli non finanziari delle imprese decisamente in anticipo rispetto a quelle che sono le normali tempistiche della rendicontazione. È un po’ come se il bilancio – spiega Rutigliano – avesse seguito quella che è l’evoluzione dei social media, recuperando informazioni che vengono rese disponibili molto più semplicemente attraverso strumenti ai quali tutti ormai hanno accesso e integrandole con le informazioni finanziarie”. Ciò ha portato, secondo il presidente della Ferpi ad adottare “una visione più completa e molto più semplice di come funziona un’impresa, utilizzando quelle informazioni che normalmente l’evoluzione digitale rende immediatamente fruibili e questo è un modo di fare impresa molto diverso, più aperto nei confronti di tutti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Video correlati

1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate 1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate

1° maggio. Fedez attacca la Lega: “Rai voleva censurarmi”. Viale Mazzini smentisce. Di Mare: Dichiarazioni di Fedez gravi e infondate

La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio

La telefonata di Fedez con funzionari e organizzatori del Concerto 1 Maggio

Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi

Draghi: nel Pnrr il destino dell’Italia. 50 miliardi per digitale, innovazione e cultura; complessivamente disporremo di 248 miliardi