A Google e Apple i brevetti più preziosi. Tra le aziende italiane Finmeccanica, diciottesima nel settore aerospaziale, e Fiat Chrysler, undicesima nell’automotive

Sono Google e Apple le aziende che al mondo hanno i brevetti più ‘preziosi’, seguite da Facebook, a testimonianza che il settore più in espansione anche nei prossimi anni sarà quello legato al web e alle tlc. Lo afferma la classifica annuale ‘Patent Power Scorecards’ stilata dalla rivista Ieee Spectrum, che vede ancora un netto predominio degli Usa nell’innovazione. La classifica, come riporta l’agenzia Ansa, si basa sul portfolio di brevetti di 6mila tra industrie, istituzioni accademiche e no profit e agenzie governative.

“Il giudizio, preparato da 1790 analytics, un centro ricerche di Haddonfield, nel new Jersey, tiene conto non solo della quantità di brevetti, ma anche della loro qualità in termini di impatto, originalità e applicabilità generale”.

Sergio Marchionne, presidente di Ferrari (foto da Olycom)

La classifica generale vede dietro ai tre battistrada l’azienda Usa di telecomunicazioni Qualcomm e al quinto posto Ibm. Le uniche aziende italiane citate sono Finmeccanica, diciottesima nel settore aerospaziale, e Fiat Chrysler, undicesima in quello automotive dietro ai principali concorrenti asiatici ma davanti a Volkswagen. anche nel settore delle università gli Usa dominano, con il Mit davanti a Harvard, con l’unica eccezione della cinese Tsinghua University al posto numero 15.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Al via l’assemblea della Lega Serie A dedicata alla bollente questione dei diritti tv. Presenti tutti i club

Al via l’assemblea della Lega Serie A dedicata alla bollente questione dei diritti tv. Presenti tutti i club

Una piattaforma digitale unica per le news dei servizi pubblici, Foa: Rai in prima fila al progetto, una rete europea di 40mila giornalisti

Una piattaforma digitale unica per le news dei servizi pubblici, Foa: Rai in prima fila al progetto, una rete europea di 40mila giornalisti

Twitter vuole monetizzare con contenuti a pagamento. Il servizio Super Follows consentirà a creatori e editori di essere supportati dal pubblico

Twitter vuole monetizzare con contenuti a pagamento. Il servizio Super Follows consentirà a creatori e editori di essere supportati dal pubblico