BolognaFiere intenzionata a non presentare la sua offerta economica per l’organizzazione del Salone del Libro 2016

Dovrebbero essere ancora i francesi di Gl Events ad organizzare, come negli anni passati, il Salone del Libro di Torino. Secondo quanto riporta l’agenzia Ansa, BolognaFiere, l’altro soggetto rimasto in corsa dopo che nei giorni scorsi si era sfilata la genovese Totemeventi, dovrebbe infatti avere rinunciato alla gara. Per il colosso emiliano, che da cinquant’anni organizza a Bologna la Fiera del libro per ragazzi, i margini di guadagno sarebbero stati troppo bassi. A rivelarlo è il ‘Resto del Carlino’, secondo cui la società presieduta da Duccio Campagnoli avrebbe deciso di non presentare, alla scadenza di oggi, la propria offerta economica alla Fondazione per il libro, la musica e la cultura che per la prima volta, quest’anno, ha messo a bando l’organizzazione dell’evento.

Duccio Campagnoli, presidente del Gruppo Bologna Fiere (foto Olycom)

La scelta, se confermata, spalancherebbe dunque le porte a Gl Events, che la scorsa primavera si era già assicurata la permanenza del Salone nei padiglioni del Lingotto fino al 2018 ad un affitto di 1milione e 200 mila euro l’anno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza