Leopolda 2015 ‎si presenta con una comunicazione sul cambiamento in corso. E si ispira a Saint-Exupéry

Dal futuro al presente. La Leopolda 2015 inizia a svelarsi e lancia il proprio logo, sotto il titolo di ‘Terra degli uomini’, dal libro di Antoine de Saint-Exupéry.

L’edizione che partirà venerdì prossimo, 11 dicembre – per andare avanti fino a domenica 13 – sarà quella del cambiamento. Basta con garage e start up simboli di nuovi modelli da proporre al Paele. Ora per i ‘Renzi boys’ il cambiamento è quello in corso. “Per questo sia il logo sia tutta la creatività vogliono esprimere al meglio il messaggio della Leopolda”, dice Davida Bacarella, ceo di Dotmedia, società che da sempre si occupa della creatività della manifestazione, ” ovvero la maturazione da proposta a attività di Governo. Vogliamo mostrare cosa dell’esperienza-Leopolda è stato realmente recepito e messo in pratica da una nuova generazione dirigente che oggi, dopo la gavetta, sta guidando il Paese. L’idea è quella di non ripetersi, proponendo uno stile nuovo. L’anno scorso ci siamo concentrati su chi non era in grado di avvertire, prima ancora di comprendere, i fermenti di un cambiamento che era già in atto. Da qui slogan come ‘il Rock and Roll ha vita breve’ o ‘non c’è alcun motivo per cui una persona dovrebbe avere un computer a casa’. Eppure così è cambiata la storia”, aggiunge Bacarella. “Interpretando i valori della Leopolda, siamo riusciti negli anni a creare una comunicazione in cui la maggior parte dei partecipanti si è sempre identificata.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata