In novembre record di visitatori all’Huffinghton Post, grazie soprattutto al mobile, ai social e ai video

Record di visitatori per l’edizione italiana dell’Huffington Post. In novembre, secondo i dati di Omniture (il sistema di web analytics di Adobe utilizzato da tutti i siti dell’HuffPost nel mondo), il giornale online diretto da Lucia Annunziata ha totalizzato 11 milioni 600mila visitatori unici, il miglior risultato di sempre. Anche il dato del giorno medio è da record: 639mila visitatori unici, l’88% in più rispetto al novembre 2014.
Merito soprattutto dell’incremento dell’audience mobile: sono stati 8,8 milioni nel mese gli utenti da smartphone e tablet, il 76% del totale, e 438mila nel giorno medio.
Anche il traffico dai social network è in forte crescita: in novembre il 51% dell’audience totale è arrivata da Facebook. Ma anche l’accesso dai motori di ricerca ha raggiunto un record: 2.9 milioni, il 25% del totale.
Negli ultimi tre mesi è aumentato notevolmente lo streaming video, grazie anche al contributo del video editor assunto di recente (il primo nel giornale online). Le visualizzazioni di video sono balzate da 27mila al giorno in agosto a 54mila in novembre. E la produzione media giornaliera di video è più che raddoppiata, passando da 6 a 13,5.
Sull’Huffington Post ha appena debuttato una nuova rubrica, ‘Cinque alle 5 la giornata in un minuto’, una serie di titoli sui fatti del giorno che richiamano i servizi del giornale.

Lucia Annunziata, direttore dell’edizione italiana dell’Huffington Post

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gruppo LSWR acquisisce con Quine le riviste professionali di Fiera Milano Media, ampliando così la propria offerta editoriale

Gruppo LSWR acquisisce con Quine le riviste professionali di Fiera Milano Media, ampliando così la propria offerta editoriale

Vivendi non si ferma e si prepara alla scalata a Prisa, primo gruppo editoriale spagnolo. Rumors dicono che punti al 20%

Vivendi non si ferma e si prepara alla scalata a Prisa, primo gruppo editoriale spagnolo. Rumors dicono che punti al 20%

Facebook non raccomanderà più agli utenti le pagine di politici o partiti. Zuckerberg: L’obiettivo è scoraggiare conversazioni divisive

Facebook non raccomanderà più agli utenti le pagine di politici o partiti. Zuckerberg: L’obiettivo è scoraggiare conversazioni divisive