Mark Zuckerberg contro Donald Trump e la proposta di bloccare l’ingresso negli Usa ai musulmani: combatteremo per proteggere vostri diritti

Mark Zuckerberg scende in campo nella polemica sui musulmani provocata dalla proposta di Donald Trump, e con un post su Facebook scrive: “Voglio aggiungere la mia voce a sostegno dei musulmani nella nostra comunita’ e ovunque nel mondo”. “Combatteremo – aggiunge – per proteggere i vostri diritti e creare un clima di pace e sicurezza”.

Il fondatore di Facebook: “Non dobbiamo perdere la speranza di un mondo migliore”  “Dopo gli attacchi di Parigi e l’odio di questa settimana posso solo immaginare la paura che i musulmani sentono di essere perseguitati per le azioni di altri”, scrive Zuckerberg, sottolineando come “gli attacchi alla libertà di chiunque finiscono per colpire tutti”. “L’odio di qualcuno – prosegue Zuckerberg – può rendere facile soccombere al cinismo. Ma non dobbiamo perdere la speranza. Finché staremo insieme e vedremo ciò che c’è di buono in ciascuno di noi, potremo costruire un mondo migliore per tutti”. “Siete sempre i benvenuti” “Come leader di Facebook – garantisce – voglio che sappiate che qui siete sempre i benvenuti e che combatteremo per proteggere i vostri diritti e creare un ambiente pacifico e sicuro per voi”.

E aggiunge: “Come ebreo, i miei genitori mi hanno insegnato che dobbiamo resistere contro gli attacchi di tutte le comunità” ha aggiunto Mark Zuckerberg nel suo post.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager