Alibaba paga 266 milioni per l’acquisto del South China Morning Post dalla famiglia di origini malesi Kuok

(AGI) Alibaba, il gigante cinese dell’e-commerce, paghera’ 266 milioni di dollari per l’acquisto del quotidiano di Hong Kong, South China Morning Post, dalla famiglia Kuok, di origini malesi. Lo ha reso noto in un comunicato alla Borsa di Hong Kong il gruppo Scmp, che pubblica il quotidiano.

Jack Ma

Jack Ma

Venerdi’ scorso era invece uscito l’annuncio dell’acquisto del giornale da parte del gruppo fondato da Jack Ma.

In una lettera al giornale, Joseph Tsai, vice presidente di Alibaba, aveva dichiarato venerdi’ scorso che la nuova proprieta’ avrebbe lasciato al quotidiano autonomia sulle scelte editoriali e l’intenzione di rafforzare la parte online della testata, nata nel 1903.

Il South China Morning Post e’ uno dei piu’ autorevoli quotidiani della Greater China, che ha spesso affrontato temi ritenuti scomodi dalla leadership cinese: alla fine del 2014 contava oltre centomila abbonati in totale.

A sollevare dubbi sul futuro della testata erano, pero’, state alcune affermazioni di Tsai, secondo cui la copertura giornalistica della Cina deve essere “obiettiva, equilibrata e giusta” e che la seconda economia del pianeta non deve essere vista “attraverso una lente molto particolare” citando indirettamente a esempio alcuni grandi media internazionali. (AGI, 14 dicembre 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sanremo 3° serata: giù anche i duetti. Festival fighetto? Ama e Fiore resistono sul pubblico abbiente. Classe mediobassa in fuga

Sanremo 3° serata: giù anche i duetti. Festival fighetto? Ama e Fiore resistono sul pubblico abbiente. Classe mediobassa in fuga

Google aumenterà del 2% il costo della pubblicità in Francia e Spagna per compensare il costo della digital tax

Google aumenterà del 2% il costo della pubblicità in Francia e Spagna per compensare il costo della digital tax

Rai. Barachini (Vigilanza) scrive a Casellati e Fico: attivare tempestive procedure per rinnovo Cda

Rai. Barachini (Vigilanza) scrive a Casellati e Fico: attivare tempestive procedure per rinnovo Cda