Un nuovo virus su Whatsapp minaccia i dispositivi Android con una falsa notifica che invita ad aggiornare il sistema per 0,99$ e infetta Flash Player

Un nuovo virus su Whatsapp. Sta circolando in questi giorni un virus che minaccia i dispositivi Android. Il malware, si apprende dai principali portali tech del web, si cela dietro una falsa notifica che invita all’aggiornamento del sistema. Un link che, se aperto, infetta i dispositivi.

Il virus, peraltro, sarebbe in grado di infettare Flash Player di Adobe. Attualmente i device Android sono gli unici ad essere colpiti, ma non è da escludere che il virus possa arrivare anche ai dispositivi iOS di Apple.

Andr/InfoStl-AZ o Andr/InfoStl-BM è il nome con cui è stato identificato il virus che, quando si clicca il link, apre pop-up che invitano a inserire i dati della propria carta di credito per rinnovare l’abbonamento annuale e ad “aggiungere i dati di fatturazione per aggiornare il proprio abbonamento WhatsApp, per un costo di 0,99$ annui”.

Per evitare problemi, meglio non aprire link sconosciuti nè installare o scaricare aggiornamenti non ufficiali, ma solo quelli di Play Store o il sito dell’azienda produttrice del dispositivo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Al via l’assemblea della Lega Serie A dedicata alla bollente questione dei diritti tv. Presenti tutti i club

Al via l’assemblea della Lega Serie A dedicata alla bollente questione dei diritti tv. Presenti tutti i club

Una piattaforma digitale unica per le news dei servizi pubblici, Foa: Rai in prima fila al progetto, una rete europea di 40mila giornalisti

Una piattaforma digitale unica per le news dei servizi pubblici, Foa: Rai in prima fila al progetto, una rete europea di 40mila giornalisti

Twitter vuole monetizzare con contenuti a pagamento. Il servizio Super Follows consentirà a creatori e editori di essere supportati dal pubblico

Twitter vuole monetizzare con contenuti a pagamento. Il servizio Super Follows consentirà a creatori e editori di essere supportati dal pubblico