Microsoft scomette sulla Cina: raggiunta l’intesa con China Electronics Technology Group per vendere Windows 10 alla pubblica amministrazione

Microsoft ha raggiunto l’accordo con China Electronics Technology Group (Cetc) per vendere Windows 10 alla pubblica amministrazione cinese. Come riferisce Cnbc, la multinazionale costituirà una joint venture con Cetc, società specializzata nella fornitura di tecnologie ad uso civile e militare, che per il momento si chiamerà C&M Information Technologies. La joint venture avrà sede a Pechino.

La joint venture serve anche, secondo la Cnbc, a ripristinare l’immagine di Microsoft nella seconda economia mondiale, che ancora soffre degli strascichi dello scandalo Wikileaks.

“Manteniamo Windows 10 sicuro e continueremo a fare tutto ciò che è in nostro possesso per implementare i nostri standard di privacy”, ha scritto Yusuf Medhi, corporate vice president di Windows and devices group di Microsoft, in un post.

“Al tempo stesso”, ha aggiunto, “ci siamo accorti di quanto il settore pubblico differisca dal privato e dal mondo delle aziende per quanto concerne le soluzioni tecnologiche richieste”.

Yusuf Mehdi, corporate vice president di Windows and devices group di Microsoft

Yusuf Mehdi, corporate vice president di Windows and devices group di Microsoft (foto: Linkedin)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gubitosi (Tim): lo spostamento del calcio dal satellite alla fibra velocizzerà il passaggio del clienti sulla Rete

Gubitosi (Tim): lo spostamento del calcio dal satellite alla fibra velocizzerà il passaggio del clienti sulla Rete

Radio2 Social Club è il programma più crossmediale della Rai, che lancia di un analogo format notturno dai Lunatici

Radio2 Social Club è il programma più crossmediale della Rai, che lancia di un analogo format notturno dai Lunatici

Crisi Inpgi. Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti chiede l’intervento del governo: indispensabile ampliare la base contributiva

Crisi Inpgi. Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti chiede l’intervento del governo: indispensabile ampliare la base contributiva