Il presidente Aie, Federico Motta, sul caso Nuzzi-Fittipaldi: paradossale che non sia perseguito chi ha sperperato i soldi, ma chi ha reso pubbliche le informazioni. A rischio la libertà di stampa e opinione

Il presidente dell’Associazione Italiana Editori (Aie) Federico Motta prende posizione sul caso Vatileaks 2 esprimendo in una nota la sua preoccupazione per il processo che coinvolge i due giornalisti Nuzzi e Fittipaldi. “Rileviamo una assoluta discrepanza tra quanto contestato ai due autori Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi e i principi fondamentali di libertà di opinione, di stampa, di manifestazione del pensiero, che sono le basi del nostro lavoro di editori, riconosciute e garantite dall’articolo 21 della nostra Costituzione, dall’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo dell’Onu e dall’articolo 10 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali”, ha detto Motta.

Federico Motta

Federico Motta, presidente Aie (foto Olycom)

“I fatti contestati dai due autori hanno una rilevanza pubblica indiscutibile. Il paradosso è che si sta perseguendo non chi ha sperperato i soldi ma chi ha reso note queste informazioni all’opinione pubblica”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, da Mibact  40 milioni per la filiera del libro. Firmati i decreti attuativi del Dl Rilancio

Editoria, da Mibact 40 milioni per la filiera del libro. Firmati i decreti attuativi del Dl Rilancio

Radio, con la Fase 2 torna a farsi sentire l’ascolto in auto (+20%). Ter: nuove abitudini con la “nuova normalità”

Radio, con la Fase 2 torna a farsi sentire l’ascolto in auto (+20%). Ter: nuove abitudini con la “nuova normalità”

Arriva il Fondo Salva Calcio della Figc: 21,7 milioni di euro. Gravina: volano per la ripresa del sistema calcio

Arriva il Fondo Salva Calcio della Figc: 21,7 milioni di euro. Gravina: volano per la ripresa del sistema calcio