Il Diario di Anna Frank protetto dal diritto d’autore per altri 35 anni, fino al 2050, perchè il libro avrà come coautore il padre Otto

Dal primo gennaio 2016 il ‘Diario di Anna Frank’ avrà come coautore suo padre, Otto Frank. Lo riporta l’Adnkronos, spiegando che è quanto stabilito dalla Fondazione Anna Frank di Basilea, che cura il copyright del libro. In questo modo, il diritto d’autore sarà protetto per altri 35 anni, fino al 2050 e il Diario non cadrà nel pubblico dominio il prossimo 1° gennaio, come previsto dalle leggi sul diritto d’autore in molti Paesi europei, che scade dopo 70 anni dalla morte dell’autore stesso.

Quando Otto Frank pubblicò per la prima volta nel 1947 il Diario – testimonianza simbolo dell’occupazione nazista e delle persecuzioni antisemite diventato bestseller internazionale letto da generazioni -, spiega l’Adnkronos, affermò nella prefazione che il libro era stato scritto tra il 1942 e il 1944 interamente dalla sua giovane figlia rifugiata con la famiglia in un sottotetto di Amsterdam.

Ma la fondazione svizzera che detiene il copyright del ‘Diario di Anna Frank’ ha avvisato, nelle scorse settimane, gli editori di tutto il mondo che il padre della quindicenne ebrea tedesca morta nel campo di concentramento tedesco di Bergen-Belsen non è stato solo il curatore della pubblicazione postuma ma va considerato a tutti gli effetti anche il coautore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020