Nuova organizzazione a Condé Nast: Usai direttore generale, Nocco vice direttore generale

Gianpaolo Grandi, presidente e ad di Edizioni Condé Nast Italia, ha comunicato ieri pomeriggio la nuova struttura organizzativa di vertice della società, alla cui base, come ha spiegato “c’è una maggior focalizzazione e delega ai team”.

Giampaolo Grandi e Fedele Usai

Giampaolo Grandi e Fedele Usai

La nuova struttura, articolata su tre divisioni, verrà sviluppata entro il 15 febbraio, quando Paola Castelli diventerà publishing manager director di Vanity Fair e Cristina Pizzini publishing director di Glamour.
Già da ora Grandi ha annunciato le nomine di Fedele Usai a direttore generale e di Domenico Nocco a vice direttore generale (con responsabilità su finance, Hr e Production).
La nuova struttura prevede che a Grandi rispondano direttamente, oltre i direttori di testata e il direttore editoriale Franca Sozzani, il direttore generale, il vice direttore generale e il direttore Business development Michele Ridolfo (Business development, Circulation, It).
Alla direzione generale rispondono le direzioni CN Studio (Roberta La Selva), Digital (Marco Formento), Comunicazione (Laura Piva), Vendite (giancarlo Ropa) e i tre direttori di divisione: Francesca Airoldi (Vogue, L’Uomo Vogue, Vogue Accessory, Vogue Bambini, Vogue Sposa), Stefania Vismara (Gq, Wired, Ad, Traveller) e ad interim Usai (Vanity Fair, Glamour, La Cucina Italiana).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Endemol Shine Italy cede le quote di maggioranza in Yam112003 ai manager Corbetta (ceo), Bianchi, Pianca e Tousco

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Chiesa sempre più social: una parrocchia su due ha Facebook; WhatsApp e Telegram i più gettonati per parlare ai fedeli

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome

Nessuna censura per Osho, Facebook riattiva la pagina satirica. Federico Palmaroli: equivoco sul soprannome