L’ufficio stampa del Consiglio regionale del Lazio aderisce all’agitazione del personale svolgendo l’attività di informazione sulla sessione di bilancio in forma ridotta

(Askanews) – I giornalisti dell’Ufficio stampa del Consiglio regionale del Lazio – informa una nota – stanno svolgendo l’attività d’informazione relativa alla sessione di bilancio in forma ridotta, coerentemente con l’adesione allo stato d’agitazione del personale regionale.

L’assemblea dei giornalisti dell’Ufficio stampa del Consiglio regionale del Lazio, autoconvocatasi oggi, ha infatti approvato l’adesione allo stato di agitazione proclamato dalle organizzazioni sindacali del personale regionale, con la richiesta di inserire nella piattaforma le specifiche rivendicazioni degli addetti stampa: – progressione verticale da D1 a D3, in conformità alle sentenze del Tribunale del lavoro di Roma della causa pilota promossa dall’Associazione stampa romana; – rimozione degli effetti del comportamento antisindacale nella definizione del nuovo profilo dell’addetto stampa del Consiglio regionale del Lazio; – nomina di un capo ufficio stampa iscritto all’Albo dei giornalisti, in ottemperanza della legge 150/2000 e della legge sull’ordinamento della professione giornalistica. (Askanews, 29 dicembre 2015)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Citynews acquisisce GoalShouter. Lani: potenziamo l’informazione sportiva sulle 50 edizioni di prossimità

Citynews acquisisce GoalShouter. Lani: potenziamo l’informazione sportiva sulle 50 edizioni di prossimità

Di Maio: L’editoria è sana e vitale, mantenuto il primato malgrado il Covid. La Farnesina sostiene il libro italiano nel mondo

Di Maio: L’editoria è sana e vitale, mantenuto il primato malgrado il Covid. La Farnesina sostiene il libro italiano nel mondo

Parapini (Rai per il Sociale): azienda ha ruolo guida nell’ascoltare le sofferenze del Paese e nel promuovere e comunicare risposte adeguate

Parapini (Rai per il Sociale): azienda ha ruolo guida nell’ascoltare le sofferenze del Paese e nel promuovere e comunicare risposte adeguate