Al Tim Girls Hackathon sviluppate da alcune studentesse app sul cyberbullismo

Condividi

L’azienda telefonica le ha coinvolte nel Tim Girls Hackathon, una giornata di lavoro in cui le studentesse delle superiori gareggiano a gruppi nella realizzazione di un’app. È un tipo di evento in cui di norma si vedono quasi solo ragazzi appassionati di informatica, mentre in questo caso sono tutte donne, per nulla intimorite: “Il coding è un’attività complicata? No, ci vuole solo impegno”.

L’hackathon di Telecom è basato su App inventor, una piattaforma che consente di realizzare piccoli software in
modo intuitivo. Il tema della sfida è il cyberbullismo, un argomento che le ragazze conoscono bene: “A scuola ne abbiamo parlato tante volte. Ho pensato di realizzare un’applicazione che possa aiutare le vittime a confrontarsi tra loro, ma che al tempo stesso dia un supporto anche agli aggressori”, dice Sokaina, 17anni, del Castigliano di Asti.

A fine giornata la giuria di Telecom premia un’idea simile, chiamata Cyberhelp, messa a punto da quattro allieve del Giolitti: è un’interfaccia che consente a chi ha subito le angherie dei bulli di comunicare attraverso una chat ricevendo consigli e aiuto diretto. Giulia, 17 anni, è una delle ideatrici e racconta: “Studio turismo, ma questa iniziativa è stata interessante. Per una donna è difficile occuparsi di informatica? Forse è un pochetto penalizzante, però le cose stanno cambiando”.