Audience cinema (Audimovie, febbraio 2016)

Il primo bimestre 2016 (31/12/2015-02/03/2016) conferma il trend di forte crescita delle presenze nelle sale cinematografiche italiane facendo segnare +28% rispetto all’analogo periodo del 2015 (01/01/2015-04/03/2015). E’ quanto emerge dai dati Audimovie, diffusi il 16 marzo.

I biglietti staccati salgono così a 31.130.562, dei quali 17.900.804 (il 57,5%) in una delle sale delle tre Concessionarie di cui nel 2016 Audimovie certifica le presenze: Rai Pubblicità, Moviemedia, PRS. Nel bimestre ‘Quo Vado?’ si conferma il film più visto, seguito dal pluripremiato ‘Revenant-Redivivo’ e dall’altro italiano ‘Perfetti sconosciuti’. Le presenze delle Concessionarie Audimovie si distribuiscono abbastanza equamente tra le diverse aree geografiche della Penisola: Nord Ovest 29,7%, Nord Est 22,3%, Centro 24,3%, Sud e Isole 23,7%. Oltre la metà degli spettatori sono da attribuire ai complessi con 8 o più schermi: il 55,2%, 6-7 schermi: 17,1%, 3-5 schermi: 21,0%; 2 schermi: 4,2%, monosala: 2,6%.

Questa la top ten completa dei più visti del Ciclo Febbraio. ‘Perfetti Sconosciuti’, ‘The hateful eight’, ‘Zootropolis’, ‘Deadpool’, ‘L’abbiamo fatta grossa’, ‘The Danish girl’, ‘Zoolander n. 2’, ‘Revenant-Redivivo’, ‘Il caso Spotlight’, ‘Single ma non troppo’.

Dati completi sul sito www.audimovie.it.

– Scarica il file con tutti i dati: numero dei complessi cinematografici, numero degli schermi, giorni per schermo, presenza per schermo, presenze complessive, presenza per film in 3D e top film a febbraio 2016 (.xls)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy