Audience cinema (Audimovie, febbraio 2016)

Il primo bimestre 2016 (31/12/2015-02/03/2016) conferma il trend di forte crescita delle presenze nelle sale cinematografiche italiane facendo segnare +28% rispetto all’analogo periodo del 2015 (01/01/2015-04/03/2015). E’ quanto emerge dai dati Audimovie, diffusi il 16 marzo.

I biglietti staccati salgono così a 31.130.562, dei quali 17.900.804 (il 57,5%) in una delle sale delle tre Concessionarie di cui nel 2016 Audimovie certifica le presenze: Rai Pubblicità, Moviemedia, PRS. Nel bimestre ‘Quo Vado?’ si conferma il film più visto, seguito dal pluripremiato ‘Revenant-Redivivo’ e dall’altro italiano ‘Perfetti sconosciuti’. Le presenze delle Concessionarie Audimovie si distribuiscono abbastanza equamente tra le diverse aree geografiche della Penisola: Nord Ovest 29,7%, Nord Est 22,3%, Centro 24,3%, Sud e Isole 23,7%. Oltre la metà degli spettatori sono da attribuire ai complessi con 8 o più schermi: il 55,2%, 6-7 schermi: 17,1%, 3-5 schermi: 21,0%; 2 schermi: 4,2%, monosala: 2,6%.

Questa la top ten completa dei più visti del Ciclo Febbraio. ‘Perfetti Sconosciuti’, ‘The hateful eight’, ‘Zootropolis’, ‘Deadpool’, ‘L’abbiamo fatta grossa’, ‘The Danish girl’, ‘Zoolander n. 2’, ‘Revenant-Redivivo’, ‘Il caso Spotlight’, ‘Single ma non troppo’.

Dati completi sul sito www.audimovie.it.

– Scarica il file con tutti i dati: numero dei complessi cinematografici, numero degli schermi, giorni per schermo, presenza per schermo, presenze complessive, presenza per film in 3D e top film a febbraio 2016 (.xls)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast