Necessario garantire il pluralismo nel mondo dell’editoria, dice il presidente del Senato, Pietro Grasso. Oggi è fondamentale saper dare una lettura consapevole alle informazioni

“E’ noto che in queste settimane si stiano giocando partite molto delicate negli assetti societari di importanti gruppi del mondo dell’editoria e dell’informazione. Senza entrare nel merito delle scelte, occorre ribadire che alle istituzioni di garanzia spetta un dovere di vigilanza e controllo che tuteli, in prospettiva, il bene fondamentale del pluralismo”. A dirlo è il presidente del Senato, Pietro Grasso, nel corso della sua lectio brevis ‘Una cultura per la società dell’informazione’ alla Sapienza.

“Un’informazione autorevole e indipendente è uno dei prerequisiti essenziali in un sistema democratico maturo”, ha spiegato Grasso secondo quanto riporta l’agenzia Ansa, “perché ha un ruolo fondamentale nella definizione dei temi e della qualità del dibattito pubblico: il grado di democrazia di un Paese è direttamente connesso alla capacità del sistema dell’informazione di svolgere liberamente il suo compito”.

Pietro Grasso, presidente del Senato (foto Olycom)

“Chi opera nei settori della stampa, dell’editoria, dell’informazione e della cultura ha una grande responsabilità”, ha spiegato, indicando in due i rischi che si possono correre: “da un lato l’abbassamento degli standard deontologici, dall’altro la dipendenza economica o normativa dal potere”. “L’informazione che utilizza una sola fonte non è informazione ma pubblicità mascherata, quando riguarda beni o servizi, propaganda quando si occupa di politica, proselitismo quando tratta di teorie fantasiose o complotti”, ha detto ancora, ricordando la definizione che Umberto Eco aveva dato dell’uomo di cultura: ‘Essere colti non significa ricordare tutte le nozioni, ma sapere dove andare a cercarle’. “Nell’epoca dei motori di ricerca il problema non è certo trovare un’informazione ma, come abbiamo visto, saperne dare una lettura consapevole”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Go Tv, record della raccolta pubblicitaria a luglio (+30%), ottima crescita da inizio anno (+8%)

Go Tv, record della raccolta pubblicitaria a luglio (+30%), ottima crescita da inizio anno (+8%)

Boom social per la finale Uefa. Inarrestabile nel calcio il fenomeno ‘unboxing’, lo spacchettamento dei diritti

Boom social per la finale Uefa. Inarrestabile nel calcio il fenomeno ‘unboxing’, lo spacchettamento dei diritti

Papa: globalizzazione nociva quando uniforma tutto. Informazione locale, più autentica e vicina alla gente

Papa: globalizzazione nociva quando uniforma tutto. Informazione locale, più autentica e vicina alla gente