Verizon si aggiudica per 4,8 miliardi di dollari le attività internet di Yahoo!. Prevista l’integrazione con Aol sotto la guida di Marni Walden

Dopo i rumors dei giorni scorsi è arrivata la conferma dalla diretta interessata: Verizon si è aggiudicata le attività internet di Yahoo! per 4,83 miliardi di dollari. Stando a quanto emerge, l’operazione dovrebbe concludersi agli inizi del 2017 e la vendita non includerebbe le azioni detenute in Alibaba, in Yahoo Japan, alcuni investimenti minori e i brevetti non core che formano il cosiddetto portfolio Excalibur.

Questi asset continueranno a essere di proprietà di Yahoo che però al momento del closing cambierà il suo nome diventando una compagnia di investimenti quotata.

Marni Walden

Le attività di Yahoo, che nei progetti di Verizon daranno un’ulteriore spinta ai suoi piani di crescita per rompere il duopolio di Google e Facebook nella raccolta pubblicitaria online, saranno integrate con quelle di Aol sotto la guida del vicepresidente esecutivo Marni Walden.

Marissa Mayer, l’ex manager di Google, approdata alla guida di Yahoo nel 2012, che in molti già davano in uscita dopo il passaggio di proprietà, ha aperto ad una sua permanenza alla guida della società. Mayer in un’intervista alla Cnbc ha spiegato come ancora nessuna decisione sia stata ancora presa sul suo futuro. “Amo Yahoo! e voglio seguirla nel prossimo capitolo della sua storia”, ha detto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”