Con l’Operazione Trasparenza alla Rai scatta il bavaglio per i dipendenti. Una nota interna vieta esternazioni e divulgazione di notizie e documenti…ecco il DOCUMENTO INTERNO

L’Operazione Trasparenza e la pubblicazione dei super-stipendi di dirigenti e giornalisti Rai hanno scatenato come prevedibile una valanga di polemiche. In pochi però sanno che l’azienda di Viale Mazzini temendo un rigurgito di invidie, livori interni e conseguenti esternazioni ha preso le contromisure.

 

E’ stata infatti inviata ieri dall’intranet aziendale verso tutti gli oltre 10mila dipendenti e collaboratori a contratto l’avviso che ha per oggetto ‘dichiarazioni agli organi di informazione e altre dichiarazioni pubbliche’. Nota interna che con tempismo esemplare ‘ricorda’ le sanzioni disciplinari previste per chi apre la bocca.

Essendo la struttura relazioni con i media l’unico soggetto autorizzato a fare dichiarazioni – si legge nella nota – i lavoratori della Rai devono ‘astenersi scrupolosamente e con quanto riferimento a qualsiasi contesto pubblico – testate online, blog, social network, eccetera – dal fare commenti, divulgare notizie o informazioni.

In sostanza,  a dipendenti e collaboratori si ricorda che  è vietato commentare o prendere posizione su fatti e notizie aziendali in contesti pubblici. E se l’avviso non dovesse bastare, conclude la nota,  la Direzione Risorse Umane è incaricata di monitorare l’applicazione delle disposizioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste