Il ddl editoria accelera: in aula al Senato la prossima settimana. Soddisfatta l’Fnsi: approvare il provvedimento prima della chiusura di agosto

Sul ddl editoria, all’esame della commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama, si accelera e potrebbe arrivare in Aula già la prossima settimana. La conferenza dei capigruppo, riporta l’Agi, lo ha messo all’odg prima della pausa estiva: la decisione, è stato riferito al termine della conferenza, perchè c’è un emendamento sulla concessione Rai che scade.

Roberto Cociancich (foto Olycom)

Tra i nodi da affrontare dal ddl, di cui è relatore il senatore Pd Roberto Cociancich, quello dei consiglieri dell’Ordine dei giornalisti che il testo riduce da 150 a 36 unità; quello dei contributi pubblici all’editoria e dei prepensionamenti.

Soddisfatti i vertici dell’Fnsi. ”È apprezzabile la decisione assunta dalla Conferenza dei capigruppo del Senato di procedere alla calendarizzazione, prima della pausa estiva, della riforma dell’editoria, premessa indispensabile per avviare la riforma complessiva del sistema delle comunicazioni e per dare una prospettiva alle imprese del settore che vivono una situazione di crisi”. Lo affermano, in una nota, il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti.

”L’auspicio – proseguono – è che questa decisione possa essere seguita dalla rapida approvazione del provvedimento prima della chiusura di agosto”.

Nella foto, da sinistra: Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, e e Giuseppe Giulietti, presidente della Fnsi (foto Assostamparegionali.wordpress.com)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy