Diversi media francesi non pubblicheranno più né foto né nomi dei terroristi, ma la televisione pubblica non ci sta. L’executive editor di France Télévisions: no all’autocensura, dobbiamo informare

Diversi media francesi hanno deciso che non pubblicheranno più né foto né nomi di terroristi responsabili di attacchi, omicidi e stragi, come quelle dei giorni scorsi a Nizza e Saint-Etienne-du-Rouvray.

Il senso di questa iniziativa, spiega ‘Le Monde’, è prevenire tentativi di emulazione e “glorificazioni postume” e anche, come titola un editoriale, “resistere alla strategia dell’odio”.

Il quotidiano cattolico ‘La Croix’, scrvie il ‘Guardian’, ha preso la stessa decisione dopo l’omicidio di padre Hamel; e così hanno fatto, tra gli altri, Bfm-Tv e il sito di radio Europe 1.

Diversa la scelta della tv pubblica France Télévisions che, come dichiarato dal direttore esecutivo, Michel Field, ritiene che “il nostro compito sia di informare ed è un diritto dei cittadini essere informati. Dobbiamo resistere di fronte a questa corsa all’autocensura e alle dichiarazioni d’intenti”.

Michel Field, executive director di France Televisions

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy