Pubblicità sulla radio (Fcp-Assoradio, giugno 2016)

L’Osservatorio Fcp-Assoradio (Fcp-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del mese di giugno 2016. I dati evidenziano una diminuzione del fatturato pubblicitario della pubblicità nazionale radiofonica pari al -4,8% nel mese di giugno 2016 rispetto al corrispettivo 2015. Tale dato corrisponde ad un fatturato totale di € 30.617.000,00.

Fausto Amorese (foto Massimiliano Stucchi)

Il commento del presidente Fcp-Assoradio Fausto Amorese:
“A chiusura del primo semestre i ricavi pubblicitari del mezzo Radio rimangono in terreno positivo: +0,6%. Un risultato importante se consideriamo che nel 2015 il semestre si era chiuso a +8,1%. Significa il consolidamento di un incrementato volume di fatturato. Il risultato negativo di giugno si può interpretare considerando vari aspetti. Nel 2015 il mese, tra i più importanti dell’anno, era cresciuto del 17,4%, la contrazione di quest’anno è da considerarsi pertanto quasi fisiologica. Altra componente da valutare come ulteriore elemento di distrazione è il rallentamento del comparto finanza assicurazioni per effetto della Brexit. Europei e Olimpiadi determinano inoltre da parte degli advertiser una parziale riallocazione dei budget annuali su altri mezzi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nei prossimi 5 anni nel consumo dei media la Cina supererà gli Usa. Previsioni e trend mondo e Italia  di Pwc – DOCUMENTI

Nei prossimi 5 anni nel consumo dei media la Cina supererà gli Usa. Previsioni e trend mondo e Italia di Pwc – DOCUMENTI

Radio, -2,5% per la pubblicità in aprile. Fcp: primo quadrimestre in flessione (-0,4%) sul 2018

Radio, -2,5% per la pubblicità in aprile. Fcp: primo quadrimestre in flessione (-0,4%) sul 2018

Pubblicità, raccolta flat a marzo. Nielsen: primo trimestre -0,2% (-3,5% senza il digitale che conta), giù tv e stampa, tiene la radio, bene il cinema

Pubblicità, raccolta flat a marzo. Nielsen: primo trimestre -0,2% (-3,5% senza il digitale che conta), giù tv e stampa, tiene la radio, bene il cinema