Un break even di Premium nel 2018 è irrealistico, secondo Vivendi: il disaccordo con Mediaset riguarda solo il business plan, ma restiamo disponibili al dialogo

Vivendi in una nota precisa che il “disaccordo” con Mediaset riguarda solo il business plan di Premium, un elemento “determinante” per la decisione del gruppo francese di raggiungere l’intesa siglata l’8 aprile scorso. In base alle valutazioni di Vivendi, prosegue la nota, il business plan, che prevede di raggiungere il break-even di Premium nel 2018, è “irrealistico”, come certificato dalla due diligence effettuata per il cda dagli analisti di Deloitte nel giugno scorso. Tuttavia, Vivendi “persiste a voler sforzarsi per raggiungere un accordo con Mediaset e rimane disponibile al dialogo”.

Arnaud de Puyfontaine, ceo di Vivendi (foto Olycom)

Vivendi, inoltre, “non accetta di essere accusata di non onorare i contratti” e “si riserva ogni azione per tutelare la sua onorabilità”, compresa una causa per diffamazione. Lo afferma all’Ansa un portavoce del gruppo francese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Radio2 Social Club è il programma più crossmediale della Rai, che lancia di un analogo format notturno dai Lunatici

Radio2 Social Club è il programma più crossmediale della Rai, che lancia di un analogo format notturno dai Lunatici

Crisi Inpgi. Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti chiede l’intervento del governo: indispensabile ampliare la base contributiva

Crisi Inpgi. Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti chiede l’intervento del governo: indispensabile ampliare la base contributiva

Minacce a Mattarella. Il prof Gervasoni indagato per vilipendio: è legittima critica; i social erano spazio di libertà, ora deriva liberticida

Minacce a Mattarella. Il prof Gervasoni indagato per vilipendio: è legittima critica; i social erano spazio di libertà, ora deriva liberticida