Un break even di Premium nel 2018 è irrealistico, secondo Vivendi: il disaccordo con Mediaset riguarda solo il business plan, ma restiamo disponibili al dialogo

Vivendi in una nota precisa che il “disaccordo” con Mediaset riguarda solo il business plan di Premium, un elemento “determinante” per la decisione del gruppo francese di raggiungere l’intesa siglata l’8 aprile scorso. In base alle valutazioni di Vivendi, prosegue la nota, il business plan, che prevede di raggiungere il break-even di Premium nel 2018, è “irrealistico”, come certificato dalla due diligence effettuata per il cda dagli analisti di Deloitte nel giugno scorso. Tuttavia, Vivendi “persiste a voler sforzarsi per raggiungere un accordo con Mediaset e rimane disponibile al dialogo”.

Arnaud de Puyfontaine, ceo di Vivendi (foto Olycom)

Vivendi, inoltre, “non accetta di essere accusata di non onorare i contratti” e “si riserva ogni azione per tutelare la sua onorabilità”, compresa una causa per diffamazione. Lo afferma all’Ansa un portavoce del gruppo francese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

«Abbiamo aiutato 2,5 milioni di persone a registrarsi al voto»: l’impegno di Facebook per le elezioni Usa

«Abbiamo aiutato 2,5 milioni di persone a registrarsi al voto»: l’impegno di Facebook per le elezioni Usa

Bob Dylan torna a fare il disc jokey con un ciclo di puntate tematiche su Sirius XM. Si parte parlando di whiskey

Bob Dylan torna a fare il disc jokey con un ciclo di puntate tematiche su Sirius XM. Si parte parlando di whiskey

Indagine Censis sugli effetti del Covid-19: lo smart work rafforza il rapporto lavoratore-azienda

Indagine Censis sugli effetti del Covid-19: lo smart work rafforza il rapporto lavoratore-azienda