I numeri del pugno di ferro di Erdogan contro giornali e tv riassunti in un’INFOGRAFICA

Daniela Colombo – Il giorno dopo la manifestazione che, secondo l’agenzia di stato Anadolu, ha portato in piazza a Istanbul e in diverse altre zone della Turchia più di 3 milioni di cittadini per esprimere il loro sostegno al presidente Erdogan e in difesa della democrazia dopo il fallito colpo di stato del 15 luglio, resta sempre particolarmente delicata la condizione di giornalisti e organizzazioni media nel Paese.

Tra mandati dalle autorità per chiudere emittenti e giornali, sospettati di essere a favore di Fetullah Gulen, nemico numero uno di Erdon, sono più di 130 le organizzazioni media sulle quali si è abbattuta l’ira del presidente turco, cifra alla quale bisogna aggiungere anche le 24 tra radio e tv che si sono viste revocare le licenze già prima dei fatti di metà luglio e le decine di giornalisti inquisiti o arrestati.

Ecco riassunti in un’infografica, realizzata dal sito Statista.com, i numeri dei principali interventi portati avanti contro i media non allineati al governo.

 

(infografica ripresa dal sito Statista.com)

Un aggiornamento settimanale sulle sorti dei media in Turchia è disponibile sul sito Comitee to protect journalists.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Europei di calcio. Arriva il gatto Achille, oracolo felino (sordo) che indovina le squadre vincenti

Europei di calcio. Arriva il gatto Achille, oracolo felino (sordo) che indovina le squadre vincenti

TOP SQUADRE DI CALCIO SOCIAL, best post e paid post di maggio. Nel mese dello scudetto nerazzurro, Juve raddoppia e celebra Buffon

TOP SQUADRE DI CALCIO SOCIAL, best post e paid post di maggio. Nel mese dello scudetto nerazzurro, Juve raddoppia e celebra Buffon

GEDI acquista il controllo del portale AutoXY; quote restanti in continuità manageriale: 20% al ceo Cito, 2% al cto Serafino

GEDI acquista il controllo del portale AutoXY; quote restanti in continuità manageriale: 20% al ceo Cito, 2% al cto Serafino