Infratel pubblica il secondo bando di gara per la banda ultralarga nelle aree bianche di Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento

Infratel Italia Spa ha pubblicato il bando di gara ‘Banda Ultra larga per la concessione di costruzione e gestione di infrastrutture passive nelle aree bianche delle regioni: Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento’, dopo la firma degli Accordi di Programma e delle convenzioni operative tra il Mise e le Regioni interessate.

L’importo complessivo messo a gara, segnala l’agenzia DowJones, è di 1.254.989.312 euro (Iva compresa) e il termine per la presentazione delle domande è fissato al 30 settembre 2016, alle ore 13,00.

Il bando di gara è un ulteriore traguardo operativo nell’attuazione della “strategia italiana per la banda ultra larga”. Suddiviso in sei lotti funzionali seguirà lo stesso iter del precedente analogo Bando, pubblicato il 3 giugno scorso, con aggiudicazione mediante procedura ristretta gestita tramite Piattaforma Telematica.

Le infrastrutture che verranno realizzate saranno in grado di coprire una popolazione di oltre 5,5 milioni di abitanti e interesseranno il territorio di 3.710 Comuni. Con il programma di lavori oggetto del presente Bando, infine, verranno raggiunte circa 3,9 milioni di unità abitative o aziendali. Con la pubblicazione del secondo Bando risultano quindi impegnate il 91,8% delle risorse complessive messe a disposizione del Piano per le Aree Bianche.

A questo link il bando integrale, nell’area riservata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%