I videogame aiutano a ragionare e a sviluppare la capacità di risolvere i problemi, al contrario di social e chat che riducono la concentrazione. I risultati di una ricerca australiana

Altrochè fonte di distrazione, i videogame possono avere effetti positivi per gli studenti. A dirlo uno studio condotto in Australia secondo il quale giocare abitualmente coi è associato al miglioramento del rendimento tra i banchi di scuola, specie nelle materie scientifiche, al contrario di quanto succede con social network e chat, che provocherebbero effetti deleteri, anche importanti sulle prestazioni scolastiche.

La ricerca è stata pubblicata sull’International Journal of Communication e ha riguardato oltre 12.000 studenti. Dai dati è emerso che gli studenti che giocano a videogame online quasi ogni giorno hanno un punteggio in matematica mediamente di 15 punti maggiore rispetto a coetanei non coinvolti abitualmente. I punti di differenza salgono a 17 punti in scienze.

Alberto Posso della RMIT University a Melbourne che ha condotto la ricerca, ha inoltre riferito che i teenager che frequentano Facebook & co. ogni giorno hanno un rendimento inferiore in media di 20 punti in matematica rispetto a coloro che non hanno mai usato i social.

Secondo Posso una spiegazione sarebbe da individuare nel fatto che i videogame mettono in azione funzioni mentali legate a ragionamento e capacità di risoluzione dei problemi, intimamente connesse con le materie scientifiche. Viceversa, l’uso dei social toglie tempo allo studio e riduce la concentrazione.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Amazon presenta ‘Luna’, servizio cloud dedicato al gaming

Amazon presenta ‘Luna’, servizio cloud dedicato al gaming

Lagardère finalizza l’alleanza con il gruppo Arnault. Ma intanto il fondo Qatar Holding si schiera con Vivendi e Amber

Lagardère finalizza l’alleanza con il gruppo Arnault. Ma intanto il fondo Qatar Holding si schiera con Vivendi e Amber

Riforma sport, Spadafora replica al Coni: autonomia pilastro del testo; proteste per limite mandati e cambio governance

Riforma sport, Spadafora replica al Coni: autonomia pilastro del testo; proteste per limite mandati e cambio governance