L’85% degli appassionati sportivi guarda le Olimpiadi in tv con a portata di mano un altro device. Chattare con gli amici e navigare sui social le attività preferite. La ricerca Global Web Index (INFOGRAFICHE)

Daniela Colombo – La tendenza al second screening contagia anche gli appassionati di sport. Stando ai dati raccolti da Global Web Index alla vigilia dei Giochi Olimpici di Rio, l’85% degli spettatori guarda le gare in tv pronto a utilizzare un altro device. La preferenza, neanche a dirlo cade sui dispositivi mobile, scelti dal 62% degli intervistati, una percentuale in crescita rispetto a due anni fa. Diminuisce invece il numero di chi utilizzerà pc o laptop, scesi rispettivamente dal 30 al 24% e dal 45 al 40%.

Chattare con gli amici o controllare i social network sono le due principali attività svolte, scelte dal 42% e dal 41% con l’obiettivo di mettersi in contatto con altri spettatori e vedere le reazioni in diretta. Il 36% occupa il tempo invece leggendo news e il 30% consultando la casella di posta. Solo il 24% usa l’appoggio del secondo schermo per cercare notizie e informazioni su quello che sta guardando, mentre solo il 14 e il 13% si dimostra incline a condividere le proprie opinioni sulle trasmissioni tv o a interagire con i contenuti proposti online dagli stessi programmi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery