Cairo riacquista azioni della sua Communication e arriva a 49,6% del capitale. L’editore non raggiunge la soglia prefissata del 50% più un’azione

Urbano Cairo e le società da lui controllate Ut Communications e Ut Belgium “sono venuti complessivamente a detenere 66.678.046 azioni ordinarie della Società” Cairo Communication, “pari al 49,61% circa del capitale sociale”. Lo comunica Ut Communications a conclusione dell’operazione di acquisto di 1.088.800 azioni ordinarie di Cairo Communication, “rappresentanti lo 0,81% circa del capitale sociale”.

Urbano Cairo (foto Primaonline.it)

L’acquisto, servito a riequilibrare la partecipazione dell’editore nella Cairo Communication, dopo l’opas che l’ha portata a detenere il 59,7% di Rcs, è avvenuto “attraverso una procedura di reverse accelerated bookbuilding Rabb rivolta esclusivamente ad investitori qualificati in Italia e ad investitori istituzionali esteri. Equita Sim ha svolto il ruolo di Sole Bookrunner dell’operazione. Il corrispettivo per l’acquisto delle azioni è pari a 4,10 euro per ciascuna azione, per un esborso complessivo di 4.464.080 euro”.

La holding di Cairo resta dunque sotto l’obiettivo dichiarato dell’offerta d’acquisto lanciata ieri che era “consentire che ad esito dell’Opas, la partecipazione complessivamente detenuta in Cairo Comm non risulti inferiore al 50% piu’ un’azione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”