Troppo poco 1 miliardo di dollari. Entertainment One, produttore canadese del cartone animato Peppa Pig, rifiuta l’offerta della britannica Itv

Entertainment One, produttore televisivo e cinematografico canadese, proprietario della serie tv animata Peppa Pig, ha rifiutato l’offerta da 1,3 miliardi di dollari, circa 236 pence per azione, avanzata dell’emittente britannico Itv. L’offerta sarebbe stata rifiutata perchè ritenuta bassa. “E’ una proposta che sottovaluta la società e ne minerebbe le prospettive”, avrebbe scritto la società canadese in una nota rimbalzata sulla Bbc.

L’accordo fra le due compagnie avrebbe aiutato Itv a diversificare l’offerta, in vista di una certo rallentamento del settore con i media locali sono costretti a tagliare la spesa dopo il referendum sulla Brexit. Itv, nello specifico ha comunque intenzione di tagliare 25 milioni disterline in termini di costi, che potrebbero comprendere anche alcuni licenziamenti. Con l’acquisizione di Entertainment One, l’emittente avrebbe ottenuto l’accesso a più di 40.000 tra programmi tv e film, come ‘Grey’s Anatomy’ e il film, premio Oscar nel 2016, ‘Il caso Sportlight’.

Adam Crozier, chief executive di Itv

Per gli analisti il rifiuto dell’offerta non lascia affatto sbalorditi visto che l’azionista di maggioranza di Entertainment One, Canada Pension Plan Investment Board ha acquistato la sua quota per 269 pence per azione. Itv potrebbe non arrivare ad offrire 300 pence per azione. “Itv ha una strategia chiara che, negli ultimi anni, ha creato valore in misura significativa per gli azionisti”, la risposta dei britannici. Ma il discorso per Peppa Pig sembrerebbe a quanto pare chiuso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’Odg Campania firma con Futura Broker una convenzione per la tutela legale dei giornalisti. Copertura fino a 10mila euro

L’Odg Campania firma con Futura Broker una convenzione per la tutela legale dei giornalisti. Copertura fino a 10mila euro

Letta a Draghi: Pd è per cambiamento forte della Rai, per discontinuità profonda

Letta a Draghi: Pd è per cambiamento forte della Rai, per discontinuità profonda

Caso Rai-Anni 20. Il consigliere De Biasio a Salini: no a misure disciplinari e pensiero unico; Rai promuova dibattito plurale su norme Ue

Caso Rai-Anni 20. Il consigliere De Biasio a Salini: no a misure disciplinari e pensiero unico; Rai promuova dibattito plurale su norme Ue