BuzzFeed separa le news dall’entertainment. Il fondatore, Jonah Peretti: abbiamo la chance per diventare leader globali nell’era mobile e social

BuzzFeed si riorganizza: la divisione news sarà separata dall’entertainment. A guidare la divisione entertainment sarà il presidente di BuzzFeed Motion Pictures, Ze Frank, mentre le news restano sotto la direzione del cofondatore Ben Smith. A svelarlo è una lettera ai dipendenti del fondatore e chief executive, Jonah Peretti. A darne notizia per primo è stato Vanity Fair.

Jonah Peretti, chief executive di BuzzFeed

“Abbiamo l’opportunità di diventare la compagnia leader dell’entertainment nell’era del mobile e dei social network”, scrive Peretti, e “siamo nella posizione giusta per costruire il brand numero uno delle notizie globali”.

Secondo il numero uno di BuzzFeed, infatti, “il modo di fruire le notizie da parte delle nuove generazioni è cambiato”, ma sono generazioni pur sempre “realmente interessate in ciò che sta succedendo in un mondo che cambia sempre più in fretta”.

La soluzione di divedere le news dall’entertainment, ricorda il Guardian, era già stata presa qualche hanno fa da News Corp, il gruppo guidato da Rupert Murdoch.

Secondo il Financial Times, invece, la decisione potrebbe anche rappresentare un segnale premonitore dell’intenzione di vendere la divisione news.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez