Accordo tra Governo e la cinese Alibaba per salvaguardare il Made in Italy. Più protetti i brand dell’agroalimentare

(Tgcom) Il premier, Matteo Renzi, e il patron del gigante cinese dell’ecommerce Alibaba, Jack Ma, hanno ratificato un’intesa per promuovere le eccellenze del cibo italiano combattendo i falsi. La collaborazione punta a sostenere l’export italiano e il Made in Italy, a cominciare dall’agroalimentare. L’Italia diventa l’unico Paese al mondo ottenere per i prodotti Dop e Igp la stessa tutela che hanno i brand commerciali sulla piattaforma.

L’intesa prevede la promozione del vino italiano, che avrà una sua vetrina sul sito he conta oltre 430 milioni di consumatori, e delle altre eccellenze del cibo italiano, con la lotta ai falsi, dal ‘parmesan’ al prosecco contraffatto. Una collaborazione che punta a sostenere l’export italiano (nel vino le bottiglie italiane hanno solo il 5% del mercato cinese contro il 55% di quelle dei cugini francesi) e il Made in Italy, tutelandone il marchio.

Renzi: “Buon accordo, Jack Ma un grande innovatore” – “Abbiamo fatto un buon lavoro con Alibaba. Jack Ma è un innovatore straordinario”, ha detto il premier Renzi, sottolineando in particolare l’impegno per “l’internazionalizzazione, l’ecommerce e la digitalizzazione delle nostre imprese”. “L’innovazione aiuta l’Italia #avanti”, ha poi scritto su Twitter.

Martina: “Un risultato eccezionale” – “Gli accordi con Alibaba – ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina – rappresentano un punto concreto della nostra strategia di sostegno al Made in Italy agroalimentare nel mondo, che sfrutta anche formule innovative per tutelare e promuovere i prodotti di qualità. Siamo riusciti a garantire ai nostri marchi geografici un livello molto alto di protezione sulla piattaforma cinese. Un risultato fondamentale che, in sede di WTO, inseguiamo da decenni e che invece sul web siamo riusciti a costruire in pochi mesi e con risultati eccezionali”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto